Con la legge di Bilancio 2019 (art. 1, cc. 228 a 231) si è introdotto un contributo a fondo perduto, tramite un voucher, per le imprese che decidono di avvalersi di  prestazioni di consulenza specialistica per sostenere processi di trasformazione tecnologica e digitale nell’ambito del Piano Nazionale Impresa 4.0.; il bando opera anche a supporto del sostenimento dei costi per l’ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, ivi compreso l’accesso ai mercati finanziari e di capitali. E’ da sottolineare che non rientrano le consulenze specialistiche ordinarie, es. in materia fiscale, contabile, legale, ecc.

Vediamo come contributo opera il contributo. Viene riconosciuto nella misura del:

50% nel limite massimo di 40.000 euro di costi sostenuti annualmente, per le micro e piccole imprese;

30% nel limite massimo di 25.000 euro di costi sostenuti annualmente, per le medie imprese;

50% nel limite massimo di 80.000 euro di costi sostenuti annualmente, per le reti d’imprese.

Per poter usufruirne, le società devono avvalersi della consulenza di manager qualificati o società di consulenza iscritti in appositi elenchi, e vi deve essere la sottoscrizione di un contratto di servizio di consulenza della durata minima di 9 mesi.

Gli elenchi, nei quali dovranno iscriversi i manager o le società di consulenza, saranno pronti ai blocchi di partenza per l’avvio il prossimo 27.09, alle ore 10 e le domande verranno accolte fino al giorno 25.10, alle 17.00.

La modulistica per la domanda di iscrizione agli elenchi è disponibile sul sito del MISE.

Vediamo le caratteristiche che debbono possedere i manager.

I consulenti dell’innovazione devono essere accreditati, alla data di presentazione dell’istanza, negli albi dei manager dell’innovazione istituiti presso Unioncamere o presso le associazioni di rappresentanza e/o possedere uno dei seguenti requisiti:

– essere in possesso di un dottorato di ricerca in settori relativi a una delle seguenti aree scientifico-disciplinari: 01-Scienze matematiche e informatiche; 02-Scienze fisiche; 03-Scienze Chimiche; 05-Scienze Biologiche; 09-Ingegneria industriale e dell’informazione; 13-Scienze economiche e statistiche;

– aver conseguito un master universitario di secondo livello in settori relativi a una delle aree scientifico-disciplinari di cui al precedente punto, nonché avere svolto in maniera documentabile incarichi, per almeno 1 anno, presso imprese negli ambiti di applicazione delle sopra citate tecnologie abilitanti impresa 4.0;

– essere in possesso di laurea magistrale in settori relativi a una delle aree scientifico-disciplinari già richiamate, nonché avere svolto in maniera documentabile incarichi, per almeno 3 anni, presso imprese negli ambiti di applicazione delle sopra citate tecnologie abilitanti impresa 4.0;

– aver svolto in modo documentabile, per almeno 7 anni, incarichi presso imprese negli ambiti di applicazione delle sopra citate tecnologie abilitanti impresa 4.0.

I manager dovranno indicare dove sono disponibili a svolgere l’incarico.

Segui i prossimi articoli, tratteremo temi e problematiche sempre interessanti!

Se sei interessato ad avere maggiori informazioni, contatta lo studio alla seguente email: franchi.studio@gmail.com saremo felici di poterti aiutare!